L’Ordine del Giorno che hai redatto è collegato alla proposta di deliberazione sulla TARI (Tassa sui rifiuti) per il 2022 e mira a introdurre ulteriori agevolazioni legate alla riduzione della parte variabile della TARI per le attività commerciali, industriali e produttive coinvolte nella lotta allo spreco alimentare, conformemente alla Legge 166/2016.

Nella proposta, si evidenzia l’importanza di supportare le attività che donano prodotti alimentari agli indigenti e alle fasce più bisognose della popolazione. Si fa riferimento al fatto che queste agevolazioni non solo riducono la pressione fiscale sulle imprese coinvolte ma incoraggiano anche un’azione sociale significativa e il recupero di cibo per scopi benefici.

Considerando l’aumento degli accessi ai servizi caritatevoli della città a causa della crisi sanitaria e della conseguente crisi economica, si riconosce la necessità di rafforzare e incrementare tali agevolazioni per sostenere le fasce più fragili della popolazione.

Inoltre, si prende atto che l’applicazione di queste agevolazioni comporterà un minore gettito di entrate per l’amministrazione comunale. Pertanto, si richiede una valutazione preliminare per incrementare gradualmente la riduzione sulla parte variabile della TARI nelle tariffe del 2023, al fine di introdurre ulteriori incentivi per le attività coinvolte nella filiera contro lo spreco alimentare.

L’Ordine del Giorno chiede al Sindaco e alla Giunta di avviare un percorso di analisi preliminare per valutare l’introduzione di premialità aggiuntive per le attività coinvolte nella filiera di contrasto allo spreco alimentare, non escludendo la possibilità di differenziare ulteriormente queste categorie, al fine di incoraggiare e sostenere l’impegno nella prassi della donazione alimentare.

In sintesi, l’Ordine del Giorno propone di esplorare l’aumento delle agevolazioni fiscali per le attività coinvolte nella lotta contro lo spreco alimentare, riconoscendo la loro importanza sociale e il contributo alla riduzione degli sprechi alimentari e al sostegno delle fasce più vulnerabili della popolazione.

 

Pin It on Pinterest

Share This